mercoledì, ottobre 21, 2009

Fedora 12 - arriva la prima beta con qualche novità

- post<li> - Permalink

Arriva la prima beta di Fedora 12 con interessanti novità.

Fedora è sempre stata la fucina e il primo test per molte tecnologie che, una volta stabilizzate, diventano l'ossatura della distribuzione principale RedHat e cioè la RHEL e derivate come la CentOS.

Pertanto consiglio l'uso di Fedora come desktop per tutti i curiosi (come me :-) che desiderano provare le future tecnologie che attualmente sono però borderline ... con quello che tutto questo comporta :D

Ma vediamo quali sono le caratteristiche principali introdotte in questa release, anche se molte rappresentano un consolidamento di alcune idee introdotte con Fedora 11.

  1. Le performance sono state migliorate grazie alla ricompilazione di tutti i pacchetti con delle ottimizzazioni per le CPU i686. Questo ha comportato il mancato supporto per alcune CPU poche diffuse
  2. Gli aggiornamenti saranno più leggeri e veloci, infatti gli rpm, oltre ad adottare un sistema più efficente di compressione conterranno solo le differenze rispetto al pacchetto originale. Questo è finalmente possibile grazie ad una nuova organizzazione dei repository e ad un plugin di yum attivo di default chiamato yum-presto
  3. NetworkManager è stato ancora più potenziato e versatile!
  4. Supporto completo e aggiornato alle nuove codifiche video Theora
  5. Un migliore supporto alle schede grafiche soprattutto in ambito 3D
  6. La virtualizzazione basata su KVM è stata migliorata introducendo inoltre due nuove strumenti per la modifica degli HD "virtuali": libguestfs (libreria) e guestfish (tool)
  7. Perfezionamento del supporto a SELinux attraverso l'introduzione di una Sandbox su cui far girare in modo sicuro le applicazioni e di un tool, Abrt che permette l'invio automatico dei problemi generati da SELinux direttamente agli sviluppatori responsabili della scrittura delle policies.
  8. Bluetooth on demand: finalmente! Ovvero il relativo servizio viene spento dopo 30 secondi  dall'ultimo uso da parte di una periferica riducendo quindi il relativo uso di risorse quando non viene usato o sui pc dove non è presente il relativo hardware. Sembra una banalità ma provate a controllare, per esempio, sui vostri server(!) se è attivo un certo servizio con il comando
    >service bluetooth status
  9. Le immagini di Fedora 12 sono tutte USB ready, ovvero è possibile spalmarle -facilemente- (basta anche dd) su una chiavetta USB ed sono subito avviabili - da provare :D
  10. Migliorato il supporto alla webcam
  11. Ultime versioni di Gnome e KDE
  12. Migliorata l'integrazione tra gli strumenti per i programmatori e l'insierimento delle ultime versioni di molti linguaggi: PHP 5.3, perl 6 ... ecc
  13. Sono stati inseriti nuovi strumenti anche per i sistemisti dove si segnala in particolar modo la possibilità di gestire un cluster samba in configurazione Attivo/Attivo usando GFS2.
 Io volevo solo sottolineare i continui miglioramenti nel campo della Virtualizzazione, della sicurezza tramite SELinux e altri piccoli accorgimenti come l'abbassamento dei previlegi richiesti per far girare alcuni programmi 'core'. Notevole e da provare anche l'ultimo punto relativo al cluster samba.

L'annuncio originale con tutti i dettagli lo trovate qui, mentre questa è la lista delle Feature completa.

Come potete notare niente di "epico", ma personalmente sono dell'idea che l'evoluzione sia basata principalmente sulle piccole evoluzioni e in maniera minore su grandi balzi alla X-Men :D


Voi, che ne pensate?

Byez

"Se sei gnomi magnano sei gnocchi con gli occhi, con gli occhi quanti gnocchi magna ogni gnomo?"

2 commenti:

Articoli correlati divisi per etichetta



Widget by Hoctro